Letture ad alta voce nel reparto di psichiatria di Vercelli: Il racconto che cura

letture in cerchio

Raccontare per raccontarsi, ma senza parlare di malattia. È questo l’obiettivo del nuovo progetto di medicina narrativa partito all’interno della Struttura Psichiatrica di Diagnosi e Cura (SPDC) dell’Asl di Vercelli di cui è responsabile la dott.ssa Silvia Ferraris.

Già avviato da alcuni mesi, il progetto prevede la lettura ad alta voce di racconti ai pazienti ricoverati: un’ora a settimana, ogni lunedì dalle 15:30 alle 16:30.

Leggi tutto: Letture ad alta voce nel reparto di psichiatria di Vercelli: Il racconto che cura

Cardiologia Vercelli: Installato pacemaker senza fili con procedura di Elettrofisiologia

pace maker senza fili

È un ulteriore tassello nel processo di crescita avviato dalla cardiologia dell’Asl di Vercelli il trattamento effettuato nelle scorse settimane su alcuni pazienti. Si tratta dell’installazione con successo di un pacemaker senza fili su pazienti affetti da fibrillazione atriale, con diverse patologie associate, e che in precedenza avevano già avuto un impianto. Si chiama “leadless” (senza fili), è poco più grande di una capsula e pesa pochi grammi.

Uno dei rischi maggiori in chi ha un pacemaker tradizionale con uno più elettrocateteri, cioè con i fili, è quello di poter incorrere in infezioni o ematomi nella tasca sottocutanea dove di solito viene posizionato il generatore di impulsi (pacemaker).

Leggi tutto: Cardiologia Vercelli: Installato pacemaker senza fili con procedura di Elettrofisiologia

Reparto d'inverno: il piano dell'Asl di Vercelli per gestire i grandi afflussi di pazienti

corsia

Gestire i maggiori accessi in ospedale durante il periodo invernale con una organizzazione in grado di accogliere e trattare un numero elevato di persone.

L'Asl di Vercelli ha definito e approvato in questi giorni il piano - che sarà attivo dalla fine di dicembre e fino al 31 marzo - che consente l'apertura del così detto "reparto d'inverno". 12 posti letto dedicati ai pazienti più stabili, con una bassa intensità di cura, ma che necessitano di ricovero: un modo considerato pratico e funzionale per gestire la richiesta di cure e assistenza che, tradizionalmente, in questo periodo anche a causa dell'epidemia influenzale vede un incremento significativo di accessi in pronto soccorso e che spesso ha come protagonisti i pazienti anziani o con particolari patologie. La zona destinata al reparto d'inverno è quella che classicamente ospita l'attività di day surgery: cioè i ricoveri chirurgici che hanno inizio e termine nell'arco di una giornata. In questo periodo tale attività sarà svolta all'interno dell'area chirurgica e la rimodulazione non comporterà nessuna significativa riduzione nell'attività chirurgica in day surgery.

Leggi tutto: Reparto d'inverno: il piano dell'Asl di Vercelli per gestire i grandi afflussi di pazienti