Accoglienza in Pronto Soccorso: A Vercelli un sistema digitale per condividere il percorso del paziente

04

Più comunicazione, più informazioni, ma al tempo stesso anche più privacy. È stato installato il 23 luglio ed è già pienamente operativo nel pronto soccorso del “S. Andrea” un nuovo sistema di gestione dell’accoglienza e delle chiamate.

A fare da guida sono due grandi monitor, installati nell’area di attesa, dove i cittadini possono visionare in tempo reale la situazione all’interno del pronto soccorso in base ai codici di gravità (Rosso, Giallo, Verde, Bianco). Il tutto avviene attraverso un numero assegnato dall’infermiere in fase di triage.

Leggi tutto: Accoglienza in Pronto Soccorso: A Vercelli un sistema digitale per condividere il percorso del...

A Santhià e Gattinara 2 nuovi mammografi

mammografoSono già in funzione a Gattinara e Santhià i nuovi mammografi per le attività di screening per la prevenzione del tumore del seno e per la mammografia clinica grazie ai medici e ai tecnici che lavorano in queste sedi.

Si tratta di due strumentazioni di ultima generazione che hanno come caratteristica essenziale quella di disporre di un sistema avanzato di controllo della dose di radiazione; un aspetto di certo importante nell’ottica dell’impatto complessivo sulla salute.

Il primo mammografo è entrato in funzione martedì 20 agosto a Gattinara, mentre dal 22 agosto è attivo anche quello presente all’interno della casa della salute di Santhià.

Leggi tutto: A Santhià e Gattinara 2 nuovi mammografi

Psichiatria: L’arte come terapia per i pazienti ricoverati

arte 1Una spazio in cui poter esprimere la propria creatività con i colori, spezzando la noia e liberando le proprie emotività. All’interno del reparto di psichiatria dell’Ospedale “S. Andrea” di Vercelli da giugno è attivo tutti i giovedì, dalle 14 alle 16:30, un laboratorio di arteterapia rivolto ai pazienti ricoverati. Un laboratorio pensato come uno spazio di libertà a cui può accedere chi lo desidera e che al tempo stesso diviene un luogo in cui medici e infermieri hanno comunque modo di ascoltare i pazienti cogliendone le emotività. Emotività che spesso trovano forma in uno schizzo fatto a matita o in un arcobaleno di colori tinteggiato con la tempera. A condurre questo laboratorio è Silvia Castaldi, educatrice professionale del centro diurno di Borgosesia, esperta in arteterapia.

Leggi tutto: Psichiatria: L’arte come terapia per i pazienti ricoverati